La notte delle stelle cadenti

Da Ratece, ancora sulla Via Alpina, a suon di jota (zuppa slovena) comincia la discesa verso sud. Il paesaggio torna di nuovo aspro e con esso tornano ad aumentare i dislivelli in salita. A Trenta, piccolo centro, ci troviamo al tramonto a fotografare una bellissima montagna che riflette mille tonalità di rosa. E’ il Triglav! La traversta della Slovenia comincia infatti con la traversata dello splendido Parco Nazionale del Triglav. (Tiglavski Norodni Park) Non poteva cominciare meglio. Una ripida salita fino al rifugio Zasavska Koca ci proietta, il giorno dopo, in un paesaggio lunare. Grandi distese di rocce bianche incise dall’acqua e sovrastate da pareti che fanno da sfondo a laghi cristallini, scarsa la vegetazione, qua è là solo qualche piccolo larice. Più in basso una moltitudine di fiori ingentilisce il paesaggio e si rispecchia nei laghetti sempre più contornati di verde. Siamo nella selvaggia e bellissima valle dei Sette Laghi.

La bellezza del luogo e questo particolare periodo fa si che i pochi rifugi siano tutti pieni. Così ci ritroviamo a piantare la tenda in un ambiente… dolinico!! La notte limpida e il buio totale ci offrono uno spettacolo raro, stelle cadenti come fuochi articifiali. Tre, fantastiche, hanno solcato il cielo contemporaneamente. La notte è stata scomoda ma ampiamente ripagata.

Lasciato il parco del Triglav saliamo al rifugio Porenzen. Il vastissimo panorama è ora cambiato: dietro di noi le grandi montagne, davanti una distesa di rilievi boscosi via via sempre più bassi. Abbiamo forte la sensazione che il nostro viaggio stia per terminare. Prima di partire ci eravamo proposti di utilizzare le brutte giornate come giorno di riposo, visto che la pioggia è stata praticamente assente, decidiamo per una tappa breve in un giorno di grande caldo. Iuk approva!

Arriviamo così, seguendo la Via Alpina a Idrija, una delle più antiche città slovene sviluppatasi intorno all’economia della miniera di mercurio, una delle più grandi del mondo. Attualmente è chiusa ed è visitabile in piccola parte dai turisti. Domani lasceremo Idrija e in pochi giorni arriveremo a Trieste… purtroppo, e da lì invieremo il nostro ultimo diario.

IDRIJA 17 agosto.

Lascia un commento