Grande gara!

Sveglia alle 4.45. Ma ho dormito 6 / 7 ore.

Pochi minuti per infilare tutti gli strati di maglie e magliette . Finisco con il piumino guanti e berretto. Fa freddino ma non da fastidio. Valerio è già in macchina. In 20 minuti siamo all’agriturismo Il Poggiolo. Controllo del materiale obbligatorio, la firma sul cartellone dei presenti, faretto acceso in fronte e via.005007009

Per più di un’ora si “pesta” in silenzio. Una salita ripida ma non lunga, una discesa, poi salita, un traverso e avanti così chilometro dopo chilometro. Il terreno è duro si sale rapidamente. Pochi minuti dopo la partenza e già la maggior parte degli atleti ci distanziano. Sempre più in alto vediamo danzare le luci e questo ci da la misura di quanto dovremo salire.

Finalmente all’orizzonte comincia a schiarire. E’ così bello che siamo costretti a fermarci ad ammirare il paesaggio.012

Ora spegnamo le luci e, arrivando in  cresta, possiamo vedere da tutti i lati i dolci pendii che formano l’Appennino e che, in parte, cavalcheremo.

Salite e discese si susseguono. A tratti splendidi sentieri i in mezzo al bosco a tratti stretti canalini, un po’ in cresta e poi dentro una fitta boscaglia per non farci mancare nulla ci sono anche un paio di guadi. Il primo agevole, un paio di passi e via, non così per il secondo. Un bel  torrente gelido ci aspetta . C’è poco da fare , dobbiamo mettere i piedi in acqua. Forse per questo ci sono i fotografi pronti a cogliere le nostre smorfie di disappunto!

Dopo 9 ore e 45 chilometri di su e giù eccomi felice al traguardo. Per una frazione di secondo penso di continuare la gara e aggiungermi agli atleti che faranno 60 km. Ma il secondo passa e con la testa sono già sotto la doccia. Saluto Valerio che continua. Per me basta così.

Ma quando è il prossimo trail? Voglio farlo. Mi sono proprio divertita.

 

 

 

Lascia un commento