La Via Alpina

logoViaAlpinaTransparency

logoViaAlpinaTransparency

1999: Su iniziativa dell’Associazione francese “La grande Traversée des Alpes viene lanciato il progetto di un sentiero transalpino di lunga percorrenza come collegamento simbolico tra gli otto paesi firmatari della Convenzione delle Alpi: Principato di Monaco, Italia, Francia, Svizzera, Liechtenstein, Germania , Austria e Slovenia.

2009: oggi, grazie alla collaborazione di vari partner pubblici e privati tutto questo è realtà.

LA VIA ALPINA: un concatenamento di sentieri in quota che collega Montecarlo a Trieste. Otto stati, quattro lingue nazionali , molte lingue regionali e dialettali, per i “Via Alpinisti” però non esistono confini ma semplicemente un susseguirsi di bellezze naturali, dalla macchia mediterranea ai giganti innevati, dai massicci granitici alle torri dolomitiche, alle foreste e ancora al profumo di mare.

LA VIA ALPINA è un percorso dalle forme più variegate nel le quali la matrice comune, la montagna, è riuscita ad esprimersi. Ecco quindi lo sfilare di lingue, architetture, arte, leggende, cucina… un ricchissimo patrimonio.

La VIA ALPINA è comunque una via di comunicazione e come tale diventa un punto di incontro e di sviluppo, uno sviluppo legato ad un turismo che ha in sé la percezione dell’importanza del rispetto dell’ambiente. A differenza delle antiche strade consolari o delle più recenti strade statali o autostrade che portavano e portano in sé un ineluttabile modificazione dell’ambiente senza alcun rispetto dei valori pre-esistenti, la VIA ALPINA si propone esattamente l’opposto: sviluppo nel rispetto totale delle bellezze e della tradizione.

Come ogni “Via Alpinista” anche noi abbiamo i nostri obiettivi personali che essendo in perfetto accordo con tutte le finalità della VIA ALPINA hanno trovato sbocco nel partenariato con il Segretariato Internazionale.

Lascia un commento