Vizzejoch

IMG_7036

La mulattiera che porta al Passo di Vizze sale dolcemente lungo una valle solcata da un torrente che, come ormai siamo abituati a vedere, è rigoglioso e spumeggiante. Le montagne dal lato sud sono scure e pressochè libere dalla neve, mentre a nord intravediamo ghiacciai scitillanti e conche abbondantemente innevate. Una cascata candida solca una parete rivestita di mughi che fa risaltare il candore dell’ acqua. Solo verso il fondo della valle la salita si fa più erta.Zigzaghiamo tra Il sentiero che è interrotto da depositi di neve ancora alta. Arriviamo così al Rifigio Vizze che è stato appena aperto. La bella strada strada che sale dal lato italiano è ancora interrotta da una slavina e solo tra un paio di giorni sarà transitabile anche dai ciclisti che potranno così svalicare in un senso o in un altro. Dopo aver assggiato uno strudel appena sfornato e chiesto le informazioni che ancora una volta ci sconsigliano di attraversare i monti per i valichi più alti, partiamo alla volta di Vipiteno.

IMG_7036

Lascia un commento